Linee guida dei nuovi professionali

wordcloud-1024x576

In assenza di specifiche linee guida, le scuole hanno adottato il nuovo ordinamento degli istituti professionali nell’ a.s. 2018/2019 ispirandosi al Regolamento 24 maggio 2018, n. 92. L’impressione è che il ministero abbia voluto redigere e pubblicare le linee guida solo dopo un primo anno di applicazione, come se, invece di un riordino, fosse stata avviata una sperimentazione. Essendo lo schema del riordino modello basato sull’applicazione dell’autonomia, e quindi fortemente variabile, si può quindi pensare di essere in presenza di indicazioni modulabili invece di un format predeterminato.

Il tentativo di cambiamento è ambizioso:

  • applicazione dell’autonomia nella scelta di alcuni insegnamenti
  • didattica basata su unità d’apprendimento
  • piani di formazione personalizzati che collochino la/lo studente al centro dell’apprendimento
  • riferimenti espliciti al Quadro Nazionale delle Qualificazioni

Tuttavia l’intero impianto risulta fragile, in quanto privo delle associazioni fra classe di concorso e materia nel triennio.  Per avviare le prime dell’anno scolastico 2018/2019 si è dovuto far riferimento alla nota MIUR del 19 aprile 2018, che riporta i quadri orari con le relative classi di concorso solo per gli insegnamenti del biennio. È d’obbligo una riflessione: il ministero chiede alle scuole di pianificare in una logica PDCA, ma nello stesso tempo non fornisce con sufficiente anticipo tutte le indicazioni necessarie per una visione di lungo termine!  (continua a leggere qui…)

cropped-cropped-28277360_148382475834578_4356444900600320329_n